Studio di Terapie della Mente del Corpo

 

 

Dott. Angelo MUSSO

Dott.ssa Ornella GADONI

C.so Sebastopoli 174 - 10137 Torino -

Tel & Fax 011 359840

 

 

 

 

 

 

 

 

 
  Studio di Terapie della Mente e del Corpo

 Articolo di  Angelo MUSSO

 Psicologo  Psicoterapeuta

 

 

       Titolo:  "La psicoterapia biodinamica dell’energia vitale".

 

La biodinamica è una tecnica di psicoterapia occidentale della mente e del corpo, in grado di suggerire informazioni e modalità di terapia per meglio comprendere la personalità attraverso il corpo e i suoi processi dinamici di movimento energetico. Ma non solo, la biodinamica è anche un tentativo di sviluppare una psicologia integrata che riunisca le intuizioni e i metodi di oriente e occidente, allo scopo di pervenire a una visione più profonda della natura dell’esperienza e dell’esistenza dell’uomo.

La psicologia moderna si presenta come un mosaico di tendenze e correnti eterogenee. Fino ad oggi i principali orientamenti sono stati rappresentati dalla ricerca sperimentale di laboratorio e dall’elaborazione di sistemi teoretici esplicativi dell’origine e dello sviluppo della personalità umana e della psicopatologia. In tempi più recenti, la psicologia umanistico-esistenziale ha evidenziato un altro fattore importante, la conoscenza di sè, il desiderio di conoscere e comprendere più pienamente la propria esperienza personale, così come la si vive e la si percepisce. Tuttavia stando alle conclusioni tratte da due dei suoi fondatori, Abraham Maslow e Antony Sutich, l’approccio umanistico non è approdato a un’analisi sufficientemente profonda dell’intima natura dell’esistenza umana. Maslow e Sutich fondarono di conseguenza un nuovo approccio che intendeva studiare le connessioni più ampie fra la mente umana e i principi della mente universale, che chiamarono psicologia transpersonale.

Fin dal suo esordio la psicologia transpersonale è stata largamente influenzata dalle tradizioni orientali, che si interessano a un’autoconoscenza più profonda di quella perseguita fino ad ora dalla psicologia occidentale.

L’interesse per le dimensioni più ampie della consapevolezza umana è uno dei nuovi orizzonti della psicologia contemporanea. Poichè le problematiche transpersonali si collocano in un’area di frontiera rispetto alle conoscenze attuali, obiettivi e metodi non sono stati ancora chiaramente definiti.

Oggi si avverte la necessità di unificare i bisogni psicologici con quelli spirituali, dove entrambe le attività psichiche sono mediate dalla realtà del corpo e dalle sue preziose funzioni vitali. L’invito a fare esperienza e terapia con metodi e tecniche nate in seno agli antichi sistemi di credenza, non può e non deve essere fuorviante per l’occidentale, anzi è l’invito a conoscersi nel sentire la naturale funzionalità del corpo e del fluire di energie emotive, affettive e neuromuscolari che si sovrappongono nei sottili equilibri psicosomatici.

La biodinamica dunque è un primo tentativo, ancora embrionale, di presentare un metodo psicosomatico integrato tra pratiche orientali e metodologie occidentali. Dalle posizioni da assumere durante gli esercizi alle pratiche di ritmi respiratori, il lettore attento noterà la presenza di criteri di similitudine con i riferimenti delle filosofie orientali, ne sono esempio le modalità di respirazione dello Yoga dell’India, il Qi-gong e le posture del Tai Chi Chuan della Cina. Si integrano dunque modalità psicologiche occidentali e psicologie filosofiche e pratiche dell’oriente

Questi processi elementari del corpo, quali il movimento, la respirazione il metabolismo, la scarica di tensione biodinamica, sono le funzioni basilari della vita sia in oriente che in occidente.

I processi coscienti organizzati dalla nostra mente e quelli inconsci non organizzati, si esprimono nell'ambiente circostante l'uomo, esplicandosi poi appieno in funzioni necessarie di relazione, attraverso il corpo, meglio ancora attraverso la sua propria ed impropria psicomotricità.

In un modello di visione olistica (globale-completa), la psicologia ci insegna che il corpo svolge la funzione di mediatore tra le pulsioni-desideri interni all'uomo e il necessario adattamento ambientale.

In sintesi la nostra risposta alle situazioni della vita è determinata dalla quantità di energia biologica vitale, meglio biodinamica, di cui disponiamo e da come ne facciamo uso. La biodinamica è anche una forma di psicoterapia che tende ad essere completa, che guarda all'uomo, in termini olistici, combinando il lavoro del corpo e della mente, per aiutare l'essere umano a risolvere problemi di ordine emotivo e per meglio utilizzare la sua naturale predisposizione a provare piacere e gioia di vivere, tesi fondamentale della biodinamica nella sua filosofia e psicologia di applicazione terapeutica è quella di osservare l'uomo nella sua globalità psicosomatica mente-corpo, riconoscendo inoltre nella loro relazione un linguaggio che li rende funzionalmente identici, un linguaggio di energie molto simile a quello che Reich chiamava orgone. Quanto avviene nella mente riflette quanto avviene nel corpo e viceversa!

Il pensare ad opera della mente ed il sentire ad opera del corpo sono entrambi condizionati da fattori di energia. Come noi tutti sappiamo, la mente ed il corpo si possono influenzare reciprocamente. Ciò che si pensa può influenzare il modo in cui il corpo sente ed è ugualmente valido il contrario. Questa interazione è limitata agli aspetti coscienti e superficiali della personalità. A livello più profondo, dunque inconscio, sia il pensare (mente) che il sentire (corpo), sono condizionati dal flusso di energia scatenato dalla stessa funzione di relazione mente-corpo, corpo-mente.

A questo punto s'inizierà a comprendere come sia impossibile agire su un soggetto stressato, nel tentativo di trovare una soluzione al suo stato, solo ed esclusivamente con l'utilizzo di pensieri ottimistici e di buone parole, oppure di farmaci, o altri rimedi che non agiscano in forma olistica. Questo perchè il livello di energia vitale nel corpo è basso, nonostante la presenza di tensione e di-stress. Quando invece si dà la possibilità al paziente di aumentare il livello di energia, attraverso la funzione corporea della respirazione profonda (senza dimenticare che anche la respirazione è soggetta ad alterazione da stress, quindi meno profonda) si verifica la liberazione del sentire, propria del corpo, ed allora la persona inizia il suo cammino per uscire dalla fase di stress.

L'energia individuale è in relazione con lo stato di vitalità del corpo. Più si è vivi e maggiore è l’energia vitale che si possiede, viceversa, la rigidità, il dolore, l'impossibilità di decisione e\o di fuga dalle situazioni, genera stress e tensione cronica nel corpo, diminuendo i livelli di energia vitale. La rigidità in biodinamica è dovuta alle tensioni muscolari croniche, risultanti da conflitti emotivi insoluti e dalle difficoltà di respirare in modo naturale e completo. Ogni "stress" produce uno stato di tensione nel corpo, la biodinamica ci orienta con esperienza pratica a raggiungere un’armonia funzionale tra la mente ed il corpo. Normalmente sappiamo che la tensione scompare quando la situazione esterna, detta stressor, viene eliminata. Mentre le tensioni nel corpo, provocate al momento in cui gli stressor hanno attivato lo stress, non si risolvono contemporaneamente all'eliminazione della fonte stressante, ne tantomeno se ne vanno da sole.

Risolvere lo stress nella mente, non significa risolverlo anche nel corpo, il quale infatti rimane contratto ad opera delle tensioni muscolari.. Simili tensioni muscolari se cronicizzate, con il non intervento sul corpo, disturbano la salute emotiva e abbassano la motilità (il naturale e spontaneo gioco e movimento della muscolatura), ma soprattutto viene a limitarsi la funzione psicologica e corporea dell'autoespressione.

Esprimere ed esprimersi sono le funzioni ed i veicoli psicologici necessari all'uomo per garantirgli un equilibrato sviluppo armonico fra sè e gli altri, ancora per garantirgli la spinta alla sopravvivenza, facilitandone l'adattamento alle cose e all'ambiente in una piena consapevolezza dell'importantissima funzione di mediazione svolta dal corpo, che deve sentire la vita, per sentirsi vivo, dentro e fuori di sè con lo scopo reale di raggiungere armonia energetica tra mente corpo e ambiente.